Blog: http://Hublot.ilcannocchiale.it

La Regina del bosco

Sulle montagne della Sila sembrava quasi che il sole si potesse toccare. La PiccolaElena aveva deciso di festeggiare Agosto sul rigoglioso Appennino Calabrese, armata di sole comode scarpe e di un ramo spezzato promosso a bastone da passeggio. In mezzo alla natura lei era la regina del bosco, tutto era suo, ovunque il suo sguardo si posasse vedeva sue proprietà. “Ecco una lunga e verde foglia!” Zac. “La attorciglierò e la intreccerò per farne una bella corona regale! Che regina sarei senza una corona regale!” disse la non ancora regale PiccolaElena. “Oh ecco un fiore morbido e colorato!” Zac. “Ne farò un bell’orecchino regale! Che regina sarei senza un orecchino regale!” disse la quasi regale PiccolaElena. “Ma guarda quante succose more!” Zac. “Diventeranno il pasto regale! Che regina sarei senza pasto regale!” disse la ormai regale PiccolaElena e continuò a salire su per la montagna, ma proprio quando pensava di essere l’unico essere umano nel bosco, vide uscire da un grosso fungo di legno una piccola e bellissima bimba di nome PiccolaFrancesca. “Salve nuova regina della Sila”la salutò e più lei si avvicinava più la PiccolaElena non poteva credere ai propri occhi. La PiccolaFrancesca aveva dei lunghi boccoli di foglie, due belle margherite bianche ai lati della testa e una bocca a funghetto. “Dunque PiccolaElena lei deve al bosco 4 mila euro, mille euro per ogni bene sottrattogli”. La PiccolaElena iniziò a pensare che la sua giornata stava per prendere una piega sbagliata. “Ma come? Io non ho del denaro con me!” “e allora mi dispiace molto ma, come me e altre bimbe prime di me, dovrai dare qualcosa di tuo al bosco”. La PiccolaElena allora si toccò i capelli: erba! Si toccò le orecchie: margherite! Si toccò la bocca: mora! Allora la PiccolaElena non ebbe più alcun dubbio: la sua giornata aveva preso veramente una piega sbagliata.

PAMELA

Pubblicato il 2/9/2010 alle 20.30 nella rubrica Hublot Inventato.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web